<img height="1" width="1" src="https://www.facebook.com/tr?id=514253159217988&amp;ev=PageView &amp;noscript=1">

Guida pratica alla produzione abbigliamento efficiente e sostenibile

Pubblicato da Denise Damasio il 09.01.20 - Tempo di lettura: 7 minuti
Mi trovi su:

produzione abbigliamentoIn Italia, il settore della produzione abbigliamento è spesso suddiviso in distretti specializzati, ad esempio confezioni e maglieria, pelle, cotoni e così via. Il valore aggiunto dato dalla prossimità di piccole e medie imprese si concretizza nella loro capacità di coordinare le capacità produttive con le competenze in ambito creativo, di design, creazione di cartamodelli e lavorazione dei tessuti.

In questo articolo, vedremo quali sono i pilastri per la redditività nella moda nel prossimo futuro, analizzando in particolare l’aspetto della sostenibilità e dell’efficienza produttiva.

In cosa consiste la produzione abbigliamento?

Il processo di produzione abbigliamento comprende l’aspetto creativo, con il disegno dei bozzetti delle collezioni, la realizzazione della loro scheda tecnica, dei relativi cartamodelli e capi campione che, una volta approvati, passano alla produzione vera e propria, costituita da taglio tessuti, confezionamento, packaging, logistica e distribuzione.

Nei paragrafi che seguono, proveremo ad analizzare l’impatto dell’innovazione e delle tecnologie 4.0 sull'intero ciclo produttivo, per raggiungere gli obiettivi di una moda più sostenibile ed efficiente.

New call-to-action

 

Collegamenti rapidi:

La produzione di abbigliamento nell'Industria 4.0

Anche nella produzione di capi d’abbigliamento, le innovazioni di Industria 4.0 si propongono come soluzioni in grado di generare una maggiore flessibilità dei processi, per adattarsi alla crescente volatilità della domanda di mercato.

Per comprendere meglio il significato di Industria 4.0, ti invitiamo a guardare questo video.

In particolare, per il settore della moda, la trasformazione digitale ha significato un passaggio dall'automazione all'autonomia dei processi, perché integrando le soluzioni software con l’aspetto hardware e meccanico della produzione, l’ottimizzazione è un obiettivo più raggiungibile.

Il grande valore da sfruttare è la possibilità di condividere informazioni e dati attraverso le tecnologie cloud. Solo migliorando la comunicazione, infatti, il reparto creativo e quello produttivo saranno in grado di lavorare in sinergia, accelerando il time to market.

Inoltre, l’integrazione delle attività del fashion designer, del modellista, dei tecnici e dell’ufficio acquisti con quelle di piazzamento, taglio e confezionamento e con la distribuzione e le vendite permette di monitorare la produzione in ottica di una maggiore sostenibilità ambientale.

Velocità e sostenibilità sono due tra le leve indicate da McKinsey & Co. come fondamentali per essere competitivi nel mondo della moda. Vediamo perché, nel prossimo paragrafo.

Il punto di vista di McKinsey sul mondo della moda

In una delle numerose analisi che McKinsey & Co ha dedicato al mondo della moda, si legge come i marchi abbiano bisogno di velocizzare e trasformare i processi, adottando un modello di business basato sulla domanda. Per farlo, sono 4 i passaggi essenziali.

1. Ottimizzazione delle procedure esistenti

  • gestionale che consenta il monitoraggio delle diverse operazioni
  • maggiore efficienza nell'approvazione
  • collaborazione tra dipartimenti e tra azienda & fornitori

2. Digitalizzazione dei processi in tutto il ciclo produttivo

  • analisi dei dati e delle interazioni dei clienti
  • creazioni virtuali in 4D
  • possibilità di generare un pre-pattern per accelerare l’approvazione
  • strumenti di gestione della distribuzione e delle vendite

3. Gestione più efficace e sostenibile del magazzino

  • definizione delle procedure in ottica inbound
  • supply chain più sostenibile con controllo della filiera
  • efficienza nella gestione delle materie prime grazie alla digitalizzazione

4. Ottimizzazione della produzione abbigliamento

  • nearshoring
  • gestione più agile e flessibile della domanda di mercato
  • modello di business più sostenibile, legato all'economia circolare
produzione abbigliamento

Solamente una ventina di anni fa, il mercato del fashion europeo si rivolgeva all'Asia - in particolar modo alla Cina, ma non solo - per de-localizzare la produzione e cercare di ottenere il massimo numero di capi, spendendo il meno possibile. Da allora molto è cambiato e diversi marchi hanno riportato la produzione più vicina ai loro headquarter, sia per ridurre l’impatto ambientale dell’aspetto logistico, sia per essere più agili nelle risposte al mercato, assicurando un’alta qualità a prezzi contenuti.

Un altro cambiamento piuttosto rivoluzionario ha riguardato l’aspetto della durata delle collezioni e di conseguenza dei cicli di produzione. Tradizionalmente, la moda ci aveva abituato a considerare veloce un ciclo di sei mesi per creare vestiti, mentre oggi il time to market si è ridotto fino a sei settimane, per alcuni retailer anche meno.

produzione abbigliamento

Le aziende del settore devono dunque trovare il modo di ottimizzare i processi, iniziando da quello creativo che arriva a occupare il 75% del tempo, relegando la produzione vera e propria al restante 25%.

Come migliorare ed equilibrare la fase creativa con quella produttiva? Riducendo i passaggi e le approvazioni intermedie grazie a un uso intelligente della digitalizzazione. Vedremo come fare più avanti su questa pagina.

Non è solo l’aspetto della velocità del time to market a rappresentare un valore aggiunto per il pubblico attuale, sempre più sensibile ai temi ambientali, e che per questo orienta le proprie scelte di consumo a una maggiore sostenibilità.

È sempre McKinsey a fornirci un quadro della situazione, con i risultati di un’indagine che ha visto il 78% degli intervistati confermare la sostenibilità ambientale come un aspetto determinante nelle scelte d’acquisto per quanto riguarda l’abbigliamento, da qui al 2025.

Non è un caso che sempre più brand di moda – ma la tendenza si è estesa agli ambiti più disparati – abbiano adottato l’economia circolare come modello di business basato sul nearshoring, sull'automazione e la sostenibilità della produzione di abbigliamento.

La tecnologia a supporto di efficienza e ottimizzazione

Come abbiamo visto, uno degli obiettivi strategici più importanti per le aziende della moda riguarda l’ottimizzazione dei processi, per ridurre il time to market e allo stesso tempo i costi operativi.

In quest’ottica, orientare la produzione di abbigliamento a una maggiore sostenibilità ambientale aiuta anche a tenere sotto controllo i costi, grazie a un uso migliore delle materie prime e all'eliminazione degli sprechi.

L’adozione di tecnologie di Industria 4.0 è fondamentale, perché supporta il raggiungimento di diversi obiettivi:

  • riduzione dei consumi energetici e di materie prime utilizzate per la produzione
  • diffusione di innovazioni che migliorano l’immagine dell’azienda e la comunicazione al suo interno
  • ottenimento semplificato di certificazioni ed etichette ambientali, grazie al monitoraggio dell’intero ciclo produttivo e della supply chain
  • sviluppo sostenibile basato sul principio Reduce, Reuse, Recycle – ridurre, riutilizzare, riciclare

produzione abbigliamento sostenibile

Ecco alcuni esempi di tecnologie per la moda:

  • software per la creazione di bozzetti e cartamodelli, facili da usare sia per gli stilisti (o gli assistenti) che per i pattern maker
  • programmi per digitalizzare i pattern e permettere al modellista di eseguire modifiche rapide a capi già approvati
  • programmi di piazzamento automatico per ottimizzare la fase di taglio
  • macchine da taglio innovative che riducono al minimo lo spazio tra un pezzo e l’altro, sfruttando i tessuti al millimetro

modellista abbigliamentoLa trasformazione digitale è prima di tutto un cambiamento culturale, proprio come l’attenzione ai temi ambientali e di sostenibilità. Per ottenere risultati tangibili, quindi, occorre che tutta l’azienda sia formata e informata rispetto ai valori da allineare a quelli di un mercato più consapevole, agli obiettivi da raggiungere e agli strumenti a disposizione per farlo.

video Audaces 360_IT

Il potere di trasformare la moda ora è nelle tue mani, con Audaces 360, la suite più completa, evoluta e user-friendly per il mondo della moda. Libera la tua creatività, disegna abiti incredibili e assicurati processi esecutivi ottimizzati, grazie all'integrazione di design, sviluppo, produzione e persino di vendita!

Vuoi toccare con mano le sue funzioni rivoluzionarie?

Clicca qui e prenota subito una demo gratuita e personalizzata!

New call-to-action

Argomenti: industria 4.0, fashion design, tecnologia della moda, produzione abbigliamento

New call-to-action

Il blog di Audaces

Resta aggiornato sulle innovazioni e le tecnologie per design e taglio tessuti per i settori della moda, dell’arredamento e per il mondo industriale. Ricevi contenuti interessanti e utili, direttamente nella tua posta elettronica.

Iscriviti alla newsletter!

New call-to-action

Articoli recenti